Genocidio in Cambogia: muore il compagno Duch, il massacratore a capo della prigione dei Khmer rossi

È morto il compagno Duch, ex figura di spicco dei Khmer rossi condannato per crimini contro l’umanità in Cambogia.

Stava scontando l’ergastolo dopo essere stato condannato da un tribunale sostenuto dalle Nazioni Unite.

Kaing Guek Eav, noto come compagno Duch, gestiva la famigerata prigione di Tuol Sleng dove migliaia di persone furono torturate e uccise alla fine degli anni ’70.

Si ritiene che ben due milioni di persone siano morte sotto i Khmer rossi, un regime maoista che controllava la Cambogia dal 1975 al 1979.

Nel 2010, Duch è diventato il primo leader dei Khmer Rossi ad essere condannato da un tribunale sostenuto dalle Nazioni Unite istituito nella capitale cambogiana Phnom Penh. È stato condannato nel 2012.

È morto mercoledì, all’età di 77 anni, ha detto un portavoce del tribunale, senza fornire dettagli sulla causa. Era malato da molti anni.

“Duch è morto questa notte alle 00:52, il 2 settembre al Khmer Soviet Friendship Hospital. Dettagli di ciò di cui è morto, non posso dire”, ha detto il portavoce del tribunale dei Khmer rossi Neth Pheaktra.

Cos’è successo alla prigione di Tuol Sleng?

Il compagno Duch gestiva la prigione S-21 di Phnom Penh, conosciuta anche come Tuol Sleng, il più noto luogo di tortura durante il regime dei Khmer rossi.

Si pensa che almeno 15.000 uomini, donne e bambini ritenuti nemici del regime siano passati attraverso i cancelli dell’ex scuola trasformata in prigione.

La maggior parte di loro è stata torturata, costretta a confessare crimini fittizi contro i Khmer rossi e poi messa a morte nei cosiddetti “campi di sterminio” appena fuori dalla capitale.

I prigionieri erano inizialmente funzionari del vecchio governo, persone accusate di essere della classe media e in seguito principalmente membri dei Khmer rossi sospettati di slealtà.

Le guardie, che erano spesso adolescenti, costrinsero i prigionieri a scrivere confessioni dettagliate a qualunque cosa fossero accusati e coinvolgere amici e familiari che furono poi imprigionati a loro volta.

Coloro che sopravvissero alle torture furono infine portati nei “campi di sterminio” di Choeung Ek dove furono uccisi, a volte dopo aver scavato le loro fosse comuni.

Meno di una dozzina di prigionieri sono sopravvissuti a Tuol Sleng.

Durante il processo, Duch ha ammesso di essere stato responsabile dell’S-21 e si è scusato per la sua parte negli orrori commessi lì.

Successivamente ha affermato di aver solo eseguito gli ordini, ma il suo appello per questi motivi è stato respinto dal tribunale.

Chi erano i Khmer rossi?

I brutali Khmer rossi, al potere dal 1975 al 1979, hanno causato la morte di circa due milioni di persone.

Il regime guidato da Pol Pot ha cercato di riportare la Cambogia al Medioevo, costringendo milioni di persone dalle città a lavorare nelle fattorie comunali nelle campagne.

Hanno preso di mira “intellettuali” identificati come persone con gli occhiali.

Il regime fu estromesso nel 1979 dalle truppe vietnamite, ma i leader dei Khmer Rossi fuggirono e continuarono a resistere al regime dalle aree lungo il confine tra Thailandia e Cambogia.

Le Nazioni Unite hanno contribuito a istituire un tribunale per processare i leader sopravvissuti, che ha iniziato a lavorare nel 2009.

Solo tre ex Khmer rossi sono stati condannati: il compagno Duch, il capo di stato del regime Khieu Samphan e il secondo in comando di Pol Pot, Nuon Chea. Lo stesso Pol Pot morì nel 1998.

Duch è nato nei primi anni ’40. Era un insegnante ma si è unito al partito comunista e il suo attivismo di sinistra ha portato a scontrarsi con le autorità.

Quando la guerra del Vietnam minacciò di riversarsi nella vicina Cambogia, Duch si unì ai ribelli comunisti dei Khmer rossi sotto il leader Pol Pot.

Dopo che i ribelli presero il controllo nel 1975, divenne il direttore di Tuol Sleng.

Quando un’invasione vietnamita cacciò i Khmer Rossi, nel 1979, egli fuggì insieme agli altri leader estromessi nelle campagne vicino al confine thailandese.

Vivendo sotto falso nome, è stato identificato da un giornalista nel 1999. Nelle interviste successive, ha ammesso le atrocità di Tuol Sleng ma ha detto che gli ordini provenivano dal comitato centrale dei Khmer rossi.

“Chiunque sia stato arrestato deve morire. Era la regola del nostro partito”, ha detto. “Avevamo la responsabilità di interrogare e dare la confessione al comitato centrale del partito”.

Dieci anni dopo, di fronte al tribunale sostenuto dalle Nazioni Unite, si è descritto come “profondamente pentito” e si è scusato con i parenti delle sue vittime.

Negli ultimi giorni del processo, ha chiesto di essere liberato, dicendo che non era un membro anziano della gerarchia dei Khmer rossi.

I parenti delle sue vittime hanno affermato che ciò derideva le sue affermazioni di rimorso.

Potrebbe Piacerti Anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com