La polizia di New York incappuccia afroamericano con problemi mentali uccidendolo per asfissia

Un uomo di colore disarmato è morto nello stato di New York dopo essere stato incappucciato dalla polizia e tenuto a faccia in giù sulla strada per due minuti.

Daniel Prude, 41 anni, soffriva di problemi di salute mentale quando la polizia lo ha trattenuto a marzo.

Morì in ospedale una settimana dopo. La sua storia è stata resa pubblica solo ora dalla sua famiglia, che ha tenuto una conferenza stampa.

La morte di Prude è avvenuta due mesi prima che l’uccisione di George Floyd suscitasse indignazione globale.

Il signor Floyd è morto a maggio dopo che un poliziotto bianco si è inginocchiato sul collo per quasi otto minuti.

Le tensioni sono aumentate di nuovo nelle ultime settimane dopo che l’uomo di colore Jacob Blake è stato colpito alla schiena sette volte e paralizzato durante un arresto a Kenosha, nel Wisconsin, il 23 agosto, scatenando grandi proteste nella città che sono diventate violente.

Il candidato presidenziale democratico Joe Biden ha denunciato la polizia coinvolta nella sparatoria di Blake e quella di Breonna Taylor, una donna afroamericana che è stata uccisa nella sua casa di Louisville, nel Kentucky, durante un’incursione di droga a marzo.

“Penso che dovremmo lasciare che il sistema giudiziario funzioni a modo suo”, ha detto in una conferenza stampa in Delaware. “Penso che almeno debbano essere accusati, gli ufficiali”.

Il procuratore generale degli Stati Uniti William Barr mercoledì ha respinto le accuse secondo cui gli americani bianchi e neri sono stati trattati in modo diverso a causa del razzismo della polizia.

In un’intervista con la CNN, ha detto che era molto raro che una persona di colore disarmata venisse colpita da ufficiali bianchi.

“Penso che la narrativa secondo cui la polizia si trova in un’epidemia di sparatorie a uomini di colore disarmati è semplicemente una falsa narrazione”, ha detto.

Come è morto Daniel Prude?

Il fratello del signor Prude, Joe, ha chiamato la polizia a Rochester, New York, il 23 marzo poiché suo fratello soffriva di gravi problemi di salute mentale.

“Ho fatto una telefonata a mio fratello per chiedere aiuto, non perché mio fratello venisse linciato”, ha detto alla conferenza stampa di mercoledì.

Un magazziniere di Chicago e padre di cinque figli, Daniel Prude stava facendo visita a suo fratello al momento della sua morte.

Le riprese del corpo di polizia ottenute dalla famiglia attraverso una richiesta di documenti pubblici mostrano il signor Prude, che correva nudo per le strade in una leggera neve prima dell’arrivo della polizia, disteso disarmato mentre gli ufficiali lo trattengono a terra.

Il video mostra che il signor Prude ha obbedito immediatamente quando gli agenti sono arrivati ​​sulla scena e gli hanno ordinato di sdraiarsi a terra e di mettere le mani dietro la schiena. Si può sentire dire: “Certo, sicuro”.

Si agita, a volte bestemmia contro gli ufficiali che lo circondano e sputa, ma non sembra offrire alcuna resistenza fisica, secondo il filmato.

Il signor Prude ha detto agli agenti di essere stato infettato dal coronavirus e gli hanno messo un cappuccio sulla testa. I cappucci sono in tessuto a rete posti sopra le teste dei sospettati per proteggere gli agenti dalla saliva di un detenuto.

I critici che si oppongono al loro uso affermano di essere angoscianti e umilianti, possono causare panico nella persona detenuta e rendere più difficile notare se un detenuto ha difficoltà a respirare.

Si vede un ufficiale che preme con entrambe le mani sulla testa del signor Prude e dice: “Smettila di sputare”.

Dopo che smette di contorcersi e si zittisce, un ufficiale osserva: “Ha freddo”.

I medici cercano di rianimarlo prima che venga trasportato in un’ambulanza. È stato tolto il supporto vitale una settimana dopo, il 30 marzo.

L’avvocato della famiglia ha detto che il motivo per cui il caso non è stato reso pubblico in precedenza è che sono stati necessari “mesi” per il rilascio delle riprese della polizia.

In una dichiarazione, il procuratore generale dello stato di New York ha definito la morte una “tragedia” e ha detto che era in corso un’indagine. Gli ufficiali coinvolti non sono stati sospesi.

Secondo un rapporto di esame post mortem visto dal quotidiano Democrat and Chronicle di Rochester, la morte di Prude è stata un omicidio causato da “complicazioni dell’asfissia nel contesto della contenzione fisica”.

Il rapporto elencava anche il PCP, un potente farmaco allucinogeno, come complicazione.

Secondo il giornale, mercoledì la polizia di Rochester ha usato spray al peperoncino e palline di pepe contro i manifestanti fuori dall’edificio di pubblica sicurezza.

Potrebbe Piacerti Anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com