I manifestanti occupano la piazza svizzera chiedendo un’azione sul cambiamento climatico

Fino a 400 manifestanti hanno occupato Bundesplatz, piazza a ridosso della Banca nazionale svizzera e del parlamento a Berna, poiché i leader di un gruppo che ha preso di mira anche banche tra cui Credit Suisse hanno affermato di aver cercato di evidenziare l’inerzia del governo sul cambiamento climatico.

Una portavoce dei manifestanti, di varie organizzazioni di campagne ambientali, ha detto che stavano costruendo un campo nella cosiddetta piazza federale nel cuore del centro politico di Berna per sottolineare le richieste di ridurre le emissioni nette di carbonio a zero entro il 2030.

Circa 40 manifestanti si sono incatenati a oggetti o tra loro per impedire che venissero rimossi facilmente dalla polizia, in caso di opposizione delle autorità, ha detto un testimone.

“Ci siamo svegliati abbastanza presto e siamo venuti qui in piazza federale per … chiedere lo zero netto entro il 2030 e la giustizia climatica ora”, ha detto Frida Kohlmann, la portavoce. “Saremo qui da oggi fino a venerdì. La crisi è molto più urgente, molte persone non lo sanno e speriamo davvero che questo gesto possa aiutare”.

I gruppi sono stati anche coinvolti in manifestazioni a Zurigo e Basilea nel giugno 2019, in cui dozzine di attivisti sono stati infine arrestati dopo aver bloccato gli ingressi alle banche svizzere Credit Suisse e UBS in quanto chiedevano la fine del finanziamento delle attività relative ai combustibili fossili.

La polizia di Berna, sede del governo federale svizzero, ha inviato alla protesta agenti che avevano preso contatto con le persone coinvolte nella manifestazione, ha detto una portavoce, aggiungendo che la situazione, compresa la risposta delle autorità, era ancora in via di sviluppo.

Potrebbe Piacerti Anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com