Kim Jong-un ‘si scusa per l’uccisione del funzionario sudcoreano’

Il leader della Corea del Nord Kim Jong-un ha rilasciato una rara scusa personale per l’uccisione di un funzionario sudcoreano, dice Seoul.

Secondo quanto riferito, il signor Kim ha detto alla sua controparte sudcoreana Moon Jae-in che “la vicenda vergognosa” non sarebbe dovuta accadere.

La Corea del Sud ha detto che l’uomo di 47 anni è stato trovato da truppe che navigavano nelle acque del Nord.

Secondo Seoul, è stato poi ucciso e il suo corpo è stato dato alle fiamme.

L’uccisione – la prima di un cittadino sudcoreano da parte delle forze nordcoreane da un decennio – ha causato indignazione nel sud.

Il confine tra le Coree è strettamente sorvegliato e si pensa che il Nord abbia in atto una politica “sparare per uccidere” per impedire al coronavirus di entrare nel paese.

Le scuse sono arrivate sotto forma di una lettera inviata al presidente Moon in cui si riconosceva che l’incidente non sarebbe dovuto accadere, secondo la Blue House della Corea del Sud.

Il signor Kim l’ha definito un “affare vergognoso” e ha detto che si sentiva “molto dispiaciuto” per aver “deluso” il signor Moon e il popolo sudcoreano, ha detto la Casa Blu. È il primo commento ufficiale del Nord sull’incidente.

Il Nord ha anche fornito al Sud i risultati delle sue indagini – ha detto che più di 10 colpi sono stati sparati contro l’uomo, che era entrato nelle acque della Corea del Nord e poi non è riuscito a rivelare la sua identità e ha cercato di fuggire.

Tuttavia il Nord ha insistito sul fatto di non aver bruciato il corpo dell’uomo, ma piuttosto il “materiale fluttuante” che lo stava trasportando.

L’uomo, padre di due figli, lavorava per il dipartimento della pesca, era sulla sua motovedetta a circa 10 km dal confine con il nord, vicino all’isola di Yeonpyeong, quando è scomparso lunedì, ha detto il ministero della Difesa sudcoreano.

Aveva lasciato le scarpe sulla barca. I media sudcoreani hanno detto che aveva divorziato da poco e aveva problemi finanziari.

Una motovedetta nordcoreana ha trovato l’uomo, che indossava un giubbotto di salvataggio, in mare intorno alle 15:30 ora locale di martedì.

Hanno indossato maschere antigas e lo hanno interrogato a distanza prima che arrivassero “gli ordini di [un’autorità] superiore” che l’uomo venisse ucciso. E, così, è stato colpito a morte nell’acqua.

La Corea del Sud dice che le truppe nordcoreane hanno poi bruciato il cadavere in mare.

Il presidente Moon Jae-in ha definito l’omicidio un incidente “scioccante” che non poteva essere tollerato. Ha esortato il Nord a prendere misure “responsabili” per l’attacco.

Il Consiglio per la sicurezza nazionale del Paese ha detto che il Nord “non può giustificare la sparatoria e l’incendio del cadavere del nostro cittadino disarmato che non ha mostrato segni di resistenza”.

I funzionari hanno affermato di aver fatto “un’analisi approfondita di diverse informazioni”, ma non era chiaro come esattamente avessero raccolto le informazioni.

La linea diretta militare tra Nord e Sud è stata interrotta a giugno e l’ufficio di collegamento inter-coreano, costruito per aiutare entrambe le parti a comunicare, è stato distrutto dalla Corea del Nord. Ma l’esercito sudcoreano è noto per intercettare le comunicazioni radio del Nord, riferisce l’agenzia di stampa AFP.

Le scuse del signor Kim arrivano in un momento in cui le relazioni tra Nord e Sud sono ad un punto basso e c’è una situazione di stallo tra Pyongyang e Washington sul programma nucleare del Nord.

In passato la Corea del Sud ha chiesto scusa al Nord, ma raramente queste sono arrivate. Il Nord ha rifiutato di chiedere scusa per l’affondamento di una nave da guerra sudcoreana nel 2010, in cui morirono 46 marinai, e nega la responsabilità. Ha anche rifiutato di scusarsi per aver bombardato un’isola sudcoreana nello stesso anno, uccidendo due soldati e due operai edili.

La Corea del Nord potrebbe adottare misure estremamente severe per impedire al coronavirus di entrare nel paese perché si pensa che si stia preparando per un’enorme parata militare il 10 ottobre in occasione del 75° anniversario della fondazione del Partito dei lavoratori al governo.

Pyongyang ha chiuso il confine con la Cina a gennaio per cercare di impedire la diffusione del Covid-19. A luglio, i media statali nordcoreani hanno affermato che il paese ha portato il suo stato di emergenza al massimo livello.

Il mese scorso, il comandante delle forze militari statunitensi in Corea del Sud, Robert Abrams, ha detto che il Nord ha introdotto una nuova “zona cuscinetto” di uno o due chilometri sul confine cinese, e che il paese dispone di forze operative speciali con ordini. per “sparare per uccidere” chiunque attraversi il confine.

In passato, la Corea del Nord ha anche rimpatriato persone che hanno vagato nel loro territorio. Nel 2017, l’agenzia di stampa statale KCNA ha detto che i funzionari avrebbero rimpatriato un peschereccio sudcoreano che ha attraversato “illegalmente” il confine, in quella che è stata vista come una rara mossa umanitaria.

Potrebbe Piacerti Anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com