Insegnante di una scuola materna francese licenziato per i tattoo

Di Mirko Fallacia

Un insegnante il cui corpo, viso e lingua sono coperti di tatuaggi e che ha modificato la sclera dell’occhio chirurgicamente da bianca a nera ha detto che gli è stato impedito di insegnare in un asilo francese dopo che un genitore si è lamentato di aver spaventato il loro bambino.

Ma l’insegnante, Sylvain Helaine, 35 anni, insegna ancora ai bambini dai sei anni in su e ha detto che, dopo uno shock iniziale quando lo vedono per la prima volta, i suoi alunni vedono oltre il suo aspetto.

“Tutti i miei studenti e i loro genitori erano sempre d’accordo con me perché fondamentalmente mi conoscevano”, ha detto Helaine, che ha stimato di aver trascorso circa 460 ore sotto l’ago dei tatuatori.

“È solo quando le persone mi vedono da lontano che possono presumere il peggio”.

Ha detto che l’anno scorso, quando insegnava all’asilo presso la scuola elementare Docteur Morere a Palaiseau, un sobborgo di Parigi, i genitori di un bambino di tre anni si sono lamentati con le autorità educative. Hanno detto che il loro figlio, che non è stato istruito da Helaine, ha avuto incubi dopo averlo visto.

Un paio di mesi dopo le autorità scolastiche lo hanno informato che non avrebbe più insegnato ai bambini della scuola materna, ha detto. “Penso che la decisione che hanno preso sia stata piuttosto triste”, ha detto Helaine.

Un portavoce dell’autorità educativa locale ha detto che è stato raggiunto un accordo con Helaine per allontanarlo dall’insegnamento all’asilo. Gli alunni sotto i sei anni “potrebbero essere spaventati dal suo aspetto”, ha detto il portavoce.

Nonostante le battute d’arresto, Helaine ha detto che sarebbe rimasto fedele alla carriera scelta. “Sono un insegnante di scuola elementare … Amo il mio lavoro”.

Ha detto di aver iniziato a farsi tatuaggi all’età di 27 anni quando, mentre insegnava in una scuola privata a Londra, ha avuto una “crisi esistenziale”. Da allora, ha detto, “Ottenere tatuaggi è la mia passione”.

Ha detto che sperava di mostrare ai suoi allievi che dovrebbero accettare persone che sono diverse dalla norma. “Forse quando saranno adulti saranno meno razzisti, meno omofobi e più aperti”, ha detto.

Giusto o sbagliato preservare i bambini dal diverso e da ciò che non concepiscono subito? Se Helaine avesse una malattia della pelle, stimolo di impressione e sbigottimento altrui, sarebbe diversa la questione? E’ sbagliato educare i nostri figli ad un contesto più simile al mondo circostante?

Ai posteri l’ardua sentenza. Nel frattempo Helaine, con voglia e vocazione encomiabili, non insegna più ai bambini facilmente impressionabili e continua il suo lavoro quasi fosse una missione.

Potrebbe Piacerti Anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com