I sintomi del COVID-19 di Trump ‘molto preoccupanti’, prossime 48 ore critiche

Il presidente Donald Trump non è ancora sulla buona strada per il recupero dal COVID-19 e alcuni dei suoi segni vitali nelle ultime 24 ore sono stati molto preoccupanti.

La valutazione della fonte sullo stato di salute del presidente repubblicano sembrava essere in contrasto con quella di un team di medici che poco fa in una conferenza stampa aveva detto che stava “andando molto bene”.

Uno di quei medici ha detto che Trump aveva detto loro: “Mi sento come se potessi uscire di qui oggi”.

La fonte, che ha chiesto di non essere identificata, ha detto che le prossime 48 ore saranno fondamentali in termini di cura di Trump.

Trump ha lasciato la Casa Bianca ed è stato trasferito al Walter Reed National Military Medical Center vicino a Washington poche ore dopo che gli è stato diagnosticato il COVID-19.

Sabato il medico della Casa Bianca Sean P. Conley ha detto ai giornalisti fuori dall’ospedale che Trump non aveva avuto difficoltà a respirare e che al momento non era sotto ossigeno supplementare.

“Il team e io siamo estremamente soddisfatti dei progressi compiuti dal presidente”, ha detto Conley.

Conley non avrebbe fornito un calendario per il possibile rilascio di Trump dall’ospedale.

La Casa Bianca ha detto che Trump, 74 anni, lavorerà in una suite speciale dell’ospedale per i prossimi giorni come misura precauzionale.

Conley ha detto che Trump aveva ricevuto una prima dose di un corso di cinque giorni di Remdesivir, un farmaco antivirale per via endovenosa venduto da Gilead Sciences Inc che ha dimostrato di ridurre i ricoveri ospedalieri. Sta anche prendendo un trattamento sperimentale, REGN-COV2 di Regeneron, uno dei numerosi farmaci COVID-19 sperimentali noti come anticorpi monoclonali, così come zinco, vitamina D, famotidina, melatonina e aspirina.

Il primo ministro britannico Boris Johnson, lui stesso ricoverato in ospedale con COVID-19 ad aprile, sabato ha detto ai giornalisti che non aveva dubbi che Trump avrebbe avuto una forte ripresa.

“È una persona molto forte e molto resistente e sono sicuro che ce la farà”, ha detto Johnson.

Il presidente cinese Xi Jinping ha inviato un messaggio a Trump e sua moglie sabato, augurando loro una pronta guarigione, ha detto la TV di stato cinese.

La campagna di Trump venerdì ha sospeso gli eventi della campagna di persona che coinvolgevano il presidente o la sua famiglia. Ma Pence continuerà a battere per il presidente e la campagna di Trump ha dichiarato sabato che Pence ospiterà un evento l’8 ottobre a Peoria, in Arizona.

Anche il responsabile della campagna di Trump, Bill Stepien, venerdì è risultato positivo al COVID-19 e lavorerà da casa, secondo un alto funzionario della campagna.

Il dibattito del 7 ottobre di Pence con il candidato alla vicepresidenza democratica Kamala Harris andrà avanti come previsto, hanno detto gli organizzatori.

Il virus potrebbe complicare la spinta di Trump per installare il giudice conservatore Amy Coney Barrett alla Corte Suprema.

Lee e Tillis sono entrambi membri della commissione giudiziaria del Senato controllata dai repubblicani, che dovrebbe iniziare le udienze sulla nomina di Barrett il 12 ottobre.

Sabato, il leader della maggioranza al Senato degli Stati Uniti Mitch McConnell ha detto che tutte le attività dell’aula del Senato sarebbero state riprogrammate fino a dopo il 19 ottobre, ma il lavoro della commissione, inclusa l’udienza di conferma di Barrett, continuerà.

Nelle ultime ore, diversi media statunitensi stanno ora riportando che il presidente Trump ha ricevuto ossigeno alla Casa Bianca prima di partire per l’ospedale.

Il New York Times cita due persone che hanno affermato che Trump ha avuto difficoltà a respirare venerdì e che “il suo livello di ossigeno è sceso”, portando i medici a dargli ossigeno supplementare.

L’agenzia di stampa AP riferisce anche che gli è stato dato ossigeno alla Casa Bianca, citando una fonte.

In un briefing sulle condizioni di Trump in precedenza, il suo medico, il dottor Sean Conley, ha detto che al momento non era sotto ossigeno.

Il presidente Trump ha twittato sulle sue condizioni.

“Medici, infermieri e TUTTI al GRANDE Walter Reed Medical Center, e altri da istituzioni altrettanto incredibili che si sono uniti a loro, sono INCREDIBILI !!!” si leggeva il tweet sulla pagina del signor Trump.

“Sono stati fatti enormi progressi negli ultimi 6 mesi per combattere questa PESTE. Con il loro aiuto, mi sento bene!”

Potrebbe Piacerti Anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com