Tempesta Alex: Due morti, 25 dispersi mentre la pioggia battente colpisce parti della Francia e dell’Italia

Due persone sono morte e 25 disperse in Francia e in Italia dopo che una tempesta ha colpito le regioni di confine dei due paesi, portando precipitazioni record in luoghi e provocando forti inondazioni che hanno spazzato via strade e danneggiato case, hanno detto le autorità.

La tempesta, soprannominata Alex, ha devastato diversi villaggi intorno alla città di Nizza in Costa Azzurra. Il sindaco di Nizza Christian Estrosi lo ha definito il peggior disastro inondazioni nella zona per oltre un secolo dopo aver sorvolato la zona più colpita in elicottero.

In Italia, almeno due persone sono morte: uno un vigile del fuoco e un altro un uomo sulla trentina la cui macchina è stata trascinata in un fiume dopo che una strada si è interrotta, hanno detto le autorità locali. Mancavano anche diciassette persone.

Sei trekker tedeschi erano tra i dispersi dopo non essere riusciti a rientrare da una gita in montagna in provincia di Cuneo.

I funzionari della regione Piemonte hanno segnalato un record di 630 mm di pioggia in sole 24 ore a Sambughetto, vicino al confine con la Svizzera. Il capo della regione Piemonte Alberto Cirio ha chiesto al governo di dichiarare lo stato di emergenza.

Il livello dell’acqua nel fiume Po è balzato di 3 metri in sole 24 ore.

“Sono rimasto particolarmente scioccato da quello che ho visto oggi”, ha detto il primo ministro francese Jean Castex in una conferenza stampa dopo aver visitato le aree colpite, aggiungendo che era preoccupato che il bilancio delle vittime potesse aumentare.

Almeno otto persone erano scomparse in Francia, hanno detto le autorità. Questi includevano due vigili del fuoco il cui veicolo è stato portato via da un fiume in piena, secondo testimoni locali citati da diversi media francesi.

Le immagini televisive di entrambi i paesi mostravano che diverse strade e ponti erano stati spazzati via dall’acqua delle inondazioni e che numerosi fiumi avrebbero rotto gli argini.

Ma nella catastrofe vi è una buona notizia, Venezia, grazie al nuovo sistema di barriera installato contro le inondazioni ha protetto con successo la città lagunare dalla marea oggi per la prima volta, portando grande sollievo dopo anni di ripetute inondazioni.

Potrebbe Piacerti Anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com